Barista gay carbonizzato in Scozia: è omofobia?

Un crimine orrendo sta sconvolgendo la Scozia e solleva l'allarme su una possibile violenza omofobica. Un giovane di 28 anni, Stuart Walker, è stato trovato morto all'alba di sabato: il suo corpo, secondo i primi rilievi, è stato prima colpito con violenza, poi dato alle fiamme mentre la vittima era ancora viva, in ultimo appeso a un lampione sul ciglio della strada.

Il delitto è stato commesso a Cumnock, nell'Ayrshire, dove Walker viveva e lavorava come barista. Il fatto che fosse gay e le "orribili" ferite trovate sul suo corpo fanno temere che si tratti di un crimine dell'odio: la vittima potrebbe essere stata uccisa a causa del suo orientamento sessuale.

Stuart Walker era gay e i quotidiani britannici hanno subito sottolineato il possibile movente omofobico, anche se gli investigatori per adesso non confermano l'ipotesi. In ogni caso le indagine sono state già avviate con l'obiettivo di ricostruire prima di tutto le ultime ore di vita di Walker e i suoi spostamenti. Certo, una violenza così spietata è terribile anche solo da immaginare.

  • shares
  • Mail