Omofobia a Roma, picchiato trentenne: "Ci dava fastidio fosse gay"

"Ci dava fastidio fosse gay": confessione shock di tre ventenni, dopo l'aggressione a un omosessuale di trent'anni

Siamo a Roma e non in Russia, ve lo ricordiamo, visto che certi episodi sono degni dei deliri omofobi ormai quotidiani nel paese di Vladimir Putin. Il fatto è successo a Capodanno, quindi tre mesi fa, ma solo oggi le forze dell'ordine sono riuscite a trovare i responsabili e a farli confessare:

"Sì, siamo stati noi ad aggredire quel giovane, eravamo ubriachi. Ci dava fastidio il fatto che fosse gay e l'abbiamo voluto punire".

Le parole sono di tre ventenni incensurati, giocatori di basket, che hanno confessato di aver picchiato e derubato un trentenne gay per sfregio. E se pensate che sia finita qui, vi sbagliate di grosso: quando facevamo riferimento alla Russia, pensavamo proprio alla tipica situazione in cui bande di ignoranti omofobi si riuniscono, fingono di essere omosessuali per poi incastrare un gay da picchiare e umiliare. Ebbene, lo stesso è successo nella nostra Roma.

Stando al racconto della stampa, la vittima avrebbe conosciuto questi tre giovani in un noto locale gay della Capitale, è nato subito un certo feeling e poi li ha invitati a casa: qui hanno iniziato prima a scherzare, per poi arrivare a mostrare la loro vera natura:

"A un certo punto - ha raccontato l'uomo - quei giovani mi hanno apostrofato chiamandomi 'brutto fr**io'. A quel punto ho avuto paura".

Poi - ha terminato la vittima - hanno rubato telefonino e chiavi della macchina.

Le indagini delle forze dell'ordine


aggressione ragazzi

Oggi, per fortuna, le forze dell'ordine sono riusciti a trovarli e a farli confessare, partendo da due dati fondamentali: un'impronta lasciata nell'appartemento dell'uomo - che aveva denunciato tutto alla polizia, all'alba del nuovo anno - e l'altezza degli aggressori, per i quali le ricerche sono proprio partite (e finite) nei campi di basket. Un po' come la Russia, insomma, ma almeno il finale è diverso: che sia da lezione per tutti gli ignoranti omofobi che vivono nella nostra itaGlietta.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: