Grandi amori: Eleanor Roosevelt e Lorena Hickok

Eleanor Roosevelt e Lorena Hickok

A testimonianza di questo grande amore tra Eleanor Roosevelt, first lady d’America e Lorena Hickok, famosa giornalista dell’American Press esistono decine e decine di lettere. Centinaia di parole che si dissolvono in una tenerezza senza fine, in una passione che viveva di sussulti, autocombustioni e lunghissime attese. Tutto in realtà iniziò, come spesso accade per i grandi amori che hanno la forza di trascendere il tempo, per puro caso. Con un’intervista o meglio ancora una scintilla che durò, tra alti e bassi, tutta la vita. Così ecco i viaggi avventurosi nelle terre più sperdute, le notti passate in un sacco a pelo sotto il cielo stellato del Vermont, i lunghi tete à tete a discutere di politica, di diritti civili e di come soccorrere una nazione che dopo la devastante crisi del ’29 si trovava in ginocchio.

Eleanor Roosevelt, imprigionata in un matrimonio che l’aveva profondamente delusa, trovò in Lorena Hickok prima di tutto il calore umano di cui aveva disperatamente bisogno, poi l’appoggio necessario per uscire allo scoperto; un pungolo che la portò ad essere la vera prima first lady degli Stati Uniti, riverita e rispettata in tutto il mondo non per i tè danzanti o i lussuosi ricevimenti della Casa Bianca, ma per il suo impegno sociale e politico. Per ben quattro mandati i Roosevelt “regnarono democraticamente”sull’America, prima salvandola dalla bancarotta con il New Deal, poi rilanciandola come nazione guida. Non per nulla Harry Truman, successore di Roosevelt, definì Eleanor la Prima Signora del mondo. Una parte di questo grande successo va sicuramente attribuito alla presenza costante e fidata di Lorena Hickok.

  • shares
  • Mail