Francia: lotta per avere la pensione di reversibilità nei Pacs

Le coppie francesi - gay, ma anche etero - che si sono unite con un Pacs sono pronte a rivendicare un ulteriore diritto, quello alla pensione di reversibilità, cioè l'assegno cui ha diritto chi sovravvive a un compagno che godeva di un trattamento pensionistico.

Via Internet è in corso una mobilitazione in vista di un voto dell'Assemblea (la Camera dei deputati francese) che si approverà il piano del governo sullo stato sociale per il 2012: com'è facile intuire manca qualsiasi riferimento ai diritti delle coppie unite in un Pacs.

Al momento della sua elezione il presidente Nicolas Sarkozy si era impegnato per una reale uguaglianza legislativa e anche fiscale per le coppie dello stesso sesso, magari attraverso una fantomatica unione civile. Invece non c'è stato nulla di tutto ciò e neppure l'adeguamento dei riconoscimenti legati ai Pacs a quelli del matrimonio.

Attraverso la piattafoma dell'organizzazione All Out, i cittadini francesi che hanno a cuore questo tema stanno mandando messaggi al proprio deputato, per ricordargli di mettere fine a questa discriminazione.

Già più di 11mila persone hanno sottoscritto e inviato l'appello, ma l'obiettivo è arrivare almeno a 20mila firme entro la fine della settimana. L'iniziativa è stata lanciata dall'Inter Lgbt, la federazione che riunisce una sessantina di gruppi e associazioni e che ogni anno organizza a Parigi la Marche des Fiertés.

  • shares
  • Mail