Putin premia il conduttore che voleva bruciare il cuore dei gay

Scandalo vergognoso in Russia: Putin ha conferito un'onorificenza al conduttore

Putin continua a far parlare di sé, dopo l'arresto (e il rilascio) di Vladimir Luxuria e quello delle due componenti delle Pussy Riot (precisamente Maria Alyokhina e Nadezhda Tolokonnikova): ricordate Dmitry Kiselyov? O meglio: ricordate quel conduttore che tanto fece parlare di sé per aver dichiarato apertamente che il cuore dei gay avrebbe dovuto essere sepolto o bruciato nel caso di un incidente d'auto? Forse no, ed è per questo che siamo qui a parlarvi di un'altra "bella" vicenda.

Putin ha conferito l'Ordine di servizio alla Patria a questo conduttore, che avrebbe contribuito - secondo lui - allo "sviluppo economico e sociale del paese" ma anche per i "successi nella sfera umanitaria, il rafforzamento dello Stato di diritto e per la tutela dei diritti e degli interessi dei cittadini": tutti meriti che non combacerebbero - in qualsiasi paese normale e soprattutto civile - con le dichiarazioni che Kiselyov ha rilasciato a inizio 2012:

"Penso - queste, le sue parole in diretta TV - che le multe ai gay per la propaganda dell'omosessualità tra gli adolescenti non siano sufficienti. Dovrebbe essere vietata loro la donazione di sangue e di sperma. In caso di un incidente d'auto, il loro cuore dovrebbe essere sepolto o bruciato perché inadatto a dar la vita a chiunque altro".

Grande successo per l'omofobo Dmitry


Dmitry Kiselyov

In Italia, forse, sarebbe stato massacrato (così come in molti altri paesi: ci piace crederlo, almeno); in Russia, invece, dopo queste esternazioni, Dmitry è stato promosso a direttore delle news settimanali e nominato direttore della nuova agenzia di stampa di Putin, fino all'onorificenza degli ultimi giorni.

Non è affatto vero, insomma, che la legge firmata da questo dittatore è a tutela dei bambini e non contro gli omosessuali: non avevate dubbi - lo sappiamo - ma ricordarlo a cattolici, omofobi e finti ingenui fa sempre bene.

Via | Gayburg

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: