Airport Love, lo sport contro l'omofobia della Russia

L'azienda norvegese XLL All Sports United lancia un messaggio chiaro contro l'omofobia nello sport in occasione dei Giochi olimpici di Sochi 2014.

Si sa, quando un maschio (etero) vede passare per strada una bella donna gli si stampa in faccia un sorrisino che molte volte tradisce i suoi pensieri. È su questo aspetto che gioca lo spot di XLL All Sports United, ditta norvegese che produce abbigliamento sportivo.

Il titolo del video è Airport Love ed è uno spot contro l’omofobia e, in particolare, contro le discriminazioni russe. I “pensieri” degli uomini, infatti, sono qui resi con il ricorso alle discipline olimpiche: vediamo così una serie di uomini che fanno destrezze di ogni genere pur di attirare l’attenzione della bellissima donna che, invece, continua a camminare tranquilla nell’aeroporto. Alla fine del video succede che… guardate voi e giudicate da soli e da sole!

Lo slogan finale del video è molto semplice e d’effetto:

Non importa per quale squadra giochi, lo sport è per tutti.

Airport Love, lo sport contro l'omofobia della Russia

Un messaggio che arriverà anche a Sochi e ai leader politici russi e a quelli di altri paesi omofobi del mondo? Guardando ai recenti coming out nel mondo dello sport (e quest’anno sembra iniziato proprio sotto i migliori auspici con sempre più sportivi che parlano apertamente del loro orientamento sessuale) l’idea che lo sport sia per tutti si sta facendo sempre più strada, almeno tra le atlete e gli atleti e, probabilmente, anche tra quanti tifano questo o quello sport. Lo scoglio maggiore rimane tra i vertici del mondo sportivo e di quello politico che continuano a essere, incomprensibilmente, sempre più arroccati a un passato che nulla ha da offrire all’oggi.

  • shares
  • Mail