Calabria, Ncd non candiderà "uomini innamorati di altri uomini"

Giuseppe Scopelliti, presidente Ndc della Calabria, non vuole omosessuali per le prossime elezioni

Non che ci aspettassimo qualcosa di diverso dal Nuovo Centro Destra, ma delle dichiarazioni così forti in vista delle nuove elezioni potrebbero scatenare il tanto odiato effetto boomerang: in un mondo che viaggia verso la parità dei diritti - quello evoluto, responsabile e intelligente, almeno - qualcuno potrebbe evitare di dare il voto al nuovo partito di Alfano e preferire altri - lo si spera, almeno, perché non vorremmo che questa politica fosse lo specchio della società calabrese.

"Noi non vogliamo né uomini che non siano coraggiosi, né mezzi uomini, né uomini che sono innamorati di altri uomini. A noi piace l'idea di mettere in campo uomini che siano innamorati di donne, che amino il rapporto di coppia e che individuano nel rapporto di un matrimonio un uomo ed una donna... Quando faccio questo tipo di parallelo voglio dire che noi vogliamo uomini che siano innamorati della città".

Sono parole pronunciate da Giuseppe Scopelliti, presidente della regione Calabria, che è chiaro quando parla delle caratteristiche che cerca nei candidati che il suo partito presenterà alle prossime elezioni: delle dichiarazioni sconcertanti, che siamo stanchi di commentare, visto che è del tutto inutile combattere gli omofobi convinti.

Dura, intanto, la risposta di Arcigay Catanzaro, Cosenza e Reggio, che ha giudicato il "criterio di scelta dei candidati" come

"ancorato ad una concezione macista, sessista, omofoba, di superiorità dell'orientamento eterosessuale e del 'maschio', criterio che nulla c'entra con la realizzazione del Bene Comune che dovrebbe essere l'unico vero indicatore del Politico; criterio quest'ultimo che affonda le proprie radici nel principio dell'Inclusione (non certo dell'esclusione) di ogni persona".

Come ha risposto Scopelliti? Il presidente si è detto "fortemente rammaricato per le polemiche che qualcuno sta alimentando in questi giorni strumentalizzando un passaggio estratto da un ragionamento più ampio e articolato che ho pronunciato qualche giorno fa": ma perché quando si parla di omosessualità, tutti vengono fraintesi e fanno discorsi più ampi? Lasciamo a voi il giudizio, visto che il video di apertura è proprio quello dell'intervista rilasciata.

  • shares
  • Mail