Ari-Pekka Liukkonen, nuotatore olimpico, fa coming out e dice no all’omofobia della Russia

Ari-Pekka Liukkonen ha partecipato alle Olimpiadi di Londra e ha vinto un bronzo ai campionati europei del 2012.

Il nuotatore olimpico finlandese Ari-Pekka Liukkonen ha fatto coming out dichiarandosi gay con l’intento di chiamare l’attenzione sulle leggi contro la propaganda gay vigenti in Russia. Ha detto in un’intervista:

Vorrei che ci fosse una discussione ampia sulle Olimpiadi di Sochi, dal momento che è triste che la normativa russa limiti i diritti umani dei giovani e degli altri.

Ari-Pekka Liukkonen ha ventiquattro anni ed è campione finlandese di 50 stile libero. È il primo atleta finlandese in attività a fare coming out. Due anni fa ne ha parlato con sua sorella e il mese scorso si è aperto con i genitori. Tutta la sua famiglia ha accettato il suo orientamento sessuale e l’ha sostenuto. Ora ha deciso di fare coming out pubblicamente:

Sono cresciuto cercando di non pensare alla mia omosessualità...non se ne parlava. Ma alle superiori ho iniziato ad accettare come sono fatto. Non è stato facile, ma nemmeno terribilmente difficile... È stato un processo lungo e lento, ma eccomi qui

E poi ha continuato:

L'omosessualità è una caratteristica personale, come avere gli occhi blu o marrone, o essere mancini. Spero che un giorno non faccia più notizia.

Al momento Ari-Pekka Liukkonen si sta allenando per i Giochi Olimpici di Rio 2015 per cercare di vincere l’oro nei 50 metri stile libero (nelle Olimpiadi invernali non c’è il nuoto tra le discipline sportive, com’è facile immaginare).

Foto | Ilta-Sanomat

  • shares
  • Mail