Matrimonio gay anche tra i Navajo?

All’interno della tribù dei Navajo è in corso una serrata discussione per aprire il matrimonio anche alle persone dello stesso sesso.

A quanto sembra la tribù dei Navajo sta studiando la questione del matrimonio tra persone dello stesso sesso.

A oggi, infatti, all’interno della più grande riserva indiana d’America il matrimonio ugualitario è vietato ma diversi attivisti LGBT si sono mobilitati per togliere il cosiddetto Dine Marriage Act, una legge in vigore dal 2005, su pressioni dell’allora presidente degli Stati Uniti, George W. Bush, che ha inserito il divieto di matrimoni ugualitari nella costituzione della Grande Nazione dei Navajo (che si trova a cavallo degli stati dell'Arizona, Nuovo Messico e Utah, nel sud-ovest degli Stati Uniti). Da allora il matrimonio è definito come unione di un uomo e una donna e, per evitare fraintendimenti, è vietato esplicitamente sia il matrimonio tra persone dello stesso sesso che la poligamia.

Anche Ben Shelly, presidente dei Navajo, si è detto favorevole al matrimonio ugualitario e lui stesso ha votato contro il bando attualmente in vigore. Però c’è da considerare che ci sono molti conservatori che non vogliono che il matrimonio sia aperto a tutti.

Se la tribù dei Navajo ha problemi a riconoscere la parità dei diritti dei suoi membri, altre tribù indiane, invece, hanno approvato nel corso del tempo il matrimonio tra persone dello stesso sesso. Per quel che riguarda le tribù degli Indiani d’America, queste sono quelle che riconoscono il matrimonio tra persone dello stesso sesso: i Coquille (Oregon) dal 2008; nel 2001 è stata la volta dei Suquamish (Washington); nel 2013 il matrimonio ugualitario è stato istituito nelle tribù dei Little Traverse Bay Bands degli Indiani Odawa (Michigan), Santa Ysabel (California), Pokagon Band of Potawatomi Indians (Michigan), Colville (Washington) e Leech Lake Band of Ojibwe (Minnesota).

Via | La Stampa
Foto | Bassoonstuff (Bobby C. Hawkins) (Opera propria) [CC-BY-SA-3.0], attraverso Wikimedia Commons

  • shares
  • Mail