Se il politico va a trans, Corona va in galera

Attenzione: lungi da me giustificare le eventuali estorsioni e gli atteggiamenti disinvolti di cui è accusato Fabrizio Corona, il fighissimo titolare di un'agenzia di paparazzi. Però tra le pieghe dell'inchiesta mi sembra di notare, non proprio in primo piano, un elemento che ci potrebbe interessare più da vicino.

In pratica il meccanismo di fotografia compromettenti vendute a calciatori, attori e veline prima che ai giornali ha funzionato per anni, senza che nessuno si ribellasse o mettesse fine al giochetto. Finché Corona non è incappato (volutamente o meno) nei politici. Uomini politici importanti - a quanto pare - sorpresi non mentre intascavano mazzette o incontravano mafiosi, ma nell'atto di tradire la moglie legittima con un'altra donna o - meglio ancora - con una trans.

Vi siete mai chiesti come mai in Italia - al contrario dei paesi anglosassoni - non scoppiano mai scandali "a sfondo sessuale"? Un po' perché noi abbiamo sempre coltivato (e a volte sbandierato) vizi privati e pubbliche virtù, un po' perché finora i temi della morale non erano al centro del dibattito politico. Non c'erano, ma adesso ci stanno eccome, da quando una parte politica e alcuni esponenti dell'altra si sono presentati come alfieri "dell famiglia" e difensori della moralità. Ma sentite che cosa dice un paparazzo a Corona (sorvoliamo sulla volgarità delle espressioni):

io ti porto le foto di lui... perché chi lo fa una volta lo fa sempre... lui se le è fatte tutte le mignotte.. c'hai presente che ogni mignotta... ogni transessuale lui si è fermato... a ognuno si fermava le guardava... non gli piaceva e mandava avanti... si fermava le guardava... non gli piaceva e mandava avanti... a una gli si è proprio fermato... e c'ho la foto di lui con la macchina tutto quanto col mignottone vicino col transessuale vicino..

E poi ancora:

Oh Fabbry... ti voglio solo dire una cosa... ti voglio di na cosa... questi erano pure contrari (incomprensibile)... siccome io parlo... decido... adesso siamo in quattro a saperla...

Secondo voi a che cosa erano contrari "questi qua"? Magari a una legge sulle unioni civili? A una legge sui diritti delle persone omosessuali? Bella sorpresa se uno di quelli schierati in prima fila contro il "carnevale" e i gay "deviati" andasse nottetempo a comprare il sesso dalle trans costrette a vendersi perché nessuno gli offre un lavoro.
Ma chi sarà l'uomo politico?

  • shares
  • Mail
28 commenti Aggiorna
Ordina: