Associazione Lgbt in Uganda vuole combattere per fermare la legge anti gay

Omofobia in Uganda: le associazioni Lgbt non si arrendono.

uganda-omofobia

La Sexual Minorities Uganda (SMUG) ha promesso di combattere fino alla fine per mettere la parole fine alla legge anti -gay approvata dal parlamento del paese

L'approvazione della legge contro i diritti gay è stata approvata venerdì scorso, proprio pochi giorni prima di Natale, risultando un vero e proprio shock. Ora è sufficiente la firma di Yoweri Museveni per renderla concreta ed effettiva. Per chi è "omosessuale recidivo" è prevista la condanna al carcere a vita.

Si pretende anche che le persone che hanno un ruolo di autorità, tra cui coloro che esercitano l'autorità religiosa o sociale, segnalino i reati entro ventiquattr'ore dall'atto.

Chi aiuta le persone LGBTI può essere considerato colpevole e 'complice' della 'promozione dell'omosessualità'

Tutto questo, ovviamente, provocherebbe una sorta di caccia ai gay in Uganda.

E il capo di un'associazione gay del Paese ha espresso il proprio sconforto e dissendo:

Sono indignato e deluso che il Parlamento ugandese abbia agito in un modo così ignorante e irrazionale. Noi combatteremo questa legge fino alla fine. L'atto avrebbe anche conseguenze disastrose per i diritti alla privacy, riunioni delle associazione e libertà di parola in aggiunta ad altri diritti di base dei membri della comunità LGBTI in Uganda. Se passa, la legge significherebbe una battuta d'arresto importante per la libertà di associazione e di organizzazioni per i diritti umani impegnati nella promozione di questi diritti.

  • shares
  • Mail