Tom Daley gay dopo la morte del padre, le assurde teorie dell'evangelista Andrea Williams

Tom Daley è diventato gay a causa della morte del padre?

foto tom daleyTom Daley si è dichiarato gay? Ma da quando? Certo, il suo potrebbe essere soltanto il classico periodo momentaneo - di passaggio, diciamo -, in cui ci si dichiara bisessuali, ma, per il momento, ciò che ha dichiarato il nuotatore è chiarissimo: ha avuto storie con ragazze, che continuano a piacergli, ma la sua più grande felicità è stata conoscere il suo attuale fidanzato, Dustin Lance Black, che ha quarant'anni suonati ma ne dimostra circa la metà.

Andrew Williams, capo della Chiesa Evangelica d'Inghilterra, ignaro delle vere dichiarazioni di orientamento sessuale del nuotatore, ha voluto dire la sua, rasentando i limiti dell'assurdo e facendo leva sui soliti fastidiosissimi luoghi comuni che vorrebbero le persone gay a causa o della mancanza del padre o di un cattivo rapporto con lui. Sì, avete letto bene: Andrew Williams si è appellato alla morte per cancro del padre del nuotatore, per giustificarne il cambio improvviso di orientamento.

Inutile dirvi che è stato solo un pretesto per buttare ancora una volta fango sull'omosessualità e cercare di far credere che si diventi omosessuali a seguito di eventi così drammatici: uno può nascere omosessuale o scoprire di esserlo, anche se ha vissuto nella più bella delle famiglie (chi scrive, per esempio, non ha mai avuto problemi né con il padre né con la madre). Quella di Andrea Williams, insomma, è pura speculazione, che, tra l'altro, l'organizzazione anglicana Changing Attitudes ha definito come

"un bigotto sfogo di seminatori di odio, per di più pericoloso".

A voi i commenti.

  • shares
  • Mail