Facebook prima censura la foto di un bacio gay e poi dice che è stato solo un errore

Per l'ennesima volta Facebook ha eliminato la foto di due uomini che si baciano e poi ha detto che si è trattato di un errore. Sempre la solita storia.

Facebook censura la foto di un bacio gay e poi si giustifica per l'errore

Facebook mostra ancora una volta il suo volto omofobo: non è la prima volta, infatti, che il popolare social network cancella foto di due uomini – o due donne – che si baciano perché violano i suoi termini e condizioni e poi, quando la protesta monta, allora si giustifica dicendo che si è trattato di un errore.

È successo a Kanwar Saini, trentaduenne produttore musicale, vocalist e dj che vive a Montreal, nel Quebec, in Canada, che aveva postato sulla pagina Sikh Knowledge una foto in cui baciava un ragazzo a Toronto. La foto era stata scattata durante una manifestazione di protesta per la decisione della Corte Suprema Indiana di rendere di nuovo illegale l’omosessualità. La foto – che aveva la seguente didascalia: “Ieri sera mio zio mi ha detto che se avessero saputo che ero gay prima dei venti anni mi avrebbero ucciso. Ha aggiunto che sono gay perché sono stato molestato da bambino e che sono sulla strada sbagliata” – aveva ottenuto oltre mille like e diverse condivisioni. Poi all’improvviso è stata rimossa da Facebook perché “viola i nostri termini e condizioni”.

Immediatamente la rimozione è diventata un caso tanto che Matt Steinfeld, responsabile della comunicazione per il social network, ha inviato le proprie scuse al sito BuzzFeed.

L’immagine è stata ripristinata e l’account di Kanwar Saini, dopo una sospensione di dodici ore, è stato riattivato. Al momento della riattivazione Saini ha commentato:

Sikh Knowledge 1, Facebook 0. Hanno restituito la foto. Ma io continuo a pensare che Facebook sia un perdente.

E, sinceramente, lo pensiamo anche noi: Facebook è sempre pronto a rimuovere le foto di due uomini che si baciano, ma poi lascia quelle con contenuti razzisti e offensivi. In questo caso, poi, oltre il danno, la beffa: la foto rimossa era stata scattata durante una manifestazione contro l’omofobia. Un vero circolo vizioso. Targato Facebook.

Via | Repubblica

  • shares
  • Mail