La terribile settimana per i diritti umani delle persone LGBT

Sconfortante guardare quanto è successo in questa settimana a proposito di diritti umani delle persone LGBT!

La terribile settimana per i diritti umani delle persone LGBT

Settimana negativa per i diritti umani delle persone LGBT in tutto il mondo. Se martedì 10 dicembre abbiamo celebrato la Giornata Mondiale per i Diritti Umani, con tanto di video dell’ONU che fa il punto sulla situazione dei diritti LGBT in tutto il mondo, dobbiamo purtroppo notare tutta una serie di notizie che vanno in direzione opposta.

Ecco un elenco degli enormi passi indietro compiuti in questa settimana, in ordine cronologico: in Egitto la censura ha pesantemente agito sul primo film gay prodotto in loco, tagliando, tra le altre, le scene in cui il protagonista fa coming out; un docente statunitense è stato licenziato perché ha chiesto la licenza matrimoniale per poter coronare il suo sogno d’amore con il proprio compagno; a Treviso due studentesse sono state apostrofate dalla preside della scuola perché si sono scambiate un bacio; un giornalista omofobo è stato messo a capo della principale agenzia di notizie della Russia; l’India ha reintrodotto il reato di omosessualità; Grazia Sestini, garante dell’infanzia in Toscana, ritiene che i genitori gay usano i bambini per ottenere più diritti; la Corte Suprema dell’Australia ha dichiarato nulla la legge che permette il matrimonio ugualitario approvata dal Parlamento di Canberra; l’Emilia Romagna ha bocciato una proposta di Franco Grillini sulle case popolari alle coppie dello stesso sesso, proposta che intendeva evitare possibili futuri problemi; un guru indiano, approfittando del fatto che l’omosessualità è di nuovo reato nel suo paese, si offre per “curare” i gay con lo yoga; la giornalista Costanza Miriano ha affermato che i gay sono geneticamente modificati e in Russia Ivan Okhlobistin, noto attore e conduttore televisivo, ha dichiarato che vorrebbe mettere i gay vivi nei forni.

Sono alcune delle situazioni di omofobia di cui vi abbiamo parlato in questa settimana e, sicuramente, ce ne sono altre che non sono state denunciate ma non per questo sono meno reali.

Ci sono state anche notizie positive, per fortuna (per citarne alcune: il primo Gay Pride in Namibia, le parole di Obama ai funerali di Mandela, le affermazioni di Roberto Vecchioni sulla famiglia composta dalla figlia e dalla sua compagna) ma il fatto che nella settimana in cui si è celebrata la Giornata Mondiale per i Diritti Umani si siano concentrate una serie di notizie così negative per la comunità LGBT di tutto il mondo, fa senza dubbio riflettere.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: