Professore americano gay in una scuola cattolica licenziato perché voleva sposarsi

Il docente è stato licenziato dopo aver chiesto una licenza di matrimonio

nozze-gay

Non sorprende, purtroppo, leggere di un insegnante di una scuola cattolica che viene allontanato dal proprio servizio a causa della sua omosessualità. Regole che non possono sicuramente essere condivise ma che aleggiano implicitamente in casi come questo. La vicenda che vede protagonista Michael Griffin è pero curiosa.

L'uomo, insegnante in una scuola di impronta cattolica nel New Jersey, era apertamente gay e non lo nascondeva affatto. Tutti i colleghi e i membri dell'istituto erano a conoscenza della sua omosessualità. Non ne faceva un mistero e continuava ad essere professore per i suoi alunni. Il "problema" è nato quando l'uomo ha deciso di sposarsi con il suo compagno.

Se la relazione era tacitamente accettata -anche se non apertamente- il matrimonio era troppo evidente per poter essere compreso e accettato, soprattutto perché l'uomo aveva anche chiesto una licenza di nozze proprio all'istituto. Il New Jersey è il 14esimo stato americano ad aver reso legali e possibili le nozze Lgbt e Michael voleva semplicemente coronare il suo sogno d'amore insieme al partner.

Il tutto però è diventato impossibile e l'uomo è stato licenziato proprio a causa di questa sua decisione. Lo conferma proprio il preside della scuola, Padre James McCloskey, che rivela di aver parlato con il diretto interessato e di non poter prendere una decisione differente:

"Ne abbiamo discusso con il signor Griffin, il quale si è detto consapevole di questa disposizione, ma ha aggiunto che aveva intenzione di celebrare comunque la cerimonia"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail