Lady Gaga vorrebbe che gli atleti gay come Tom Daley boicottassero le Olimpiadi di Sochi 2014

La cantante apertamente contro l'omofobia in Russia. E con la speranza di un forte segno contro il Paese...

foto lady gaga

Russia e omofobia. Un binomio triste e stancante che continua ad essere sempre legato, indissolubile -almeno per il momento- e che indigna moltissime persone. Nonostante ciò, le violenze continuano e la tolleranza verso il mondo Lgbt è sempre meno presente. L'attenzione continua ad essere sempre più forte anche in vista delle Olimpiadi 2014 che si terranno a Sochi e che, secondo alcuni, dovrebbero essere boicottate apertamente come segnale di dissenso e ribellione. Ma difficilmente, molto difficilmente, accadrà.

La cantante, nei giorni scorsi, ne aveva già parlato, specificando come, per lei, non ci dovrebbe essere proprio partecipazione da parte dei vari Stati:

"Non credo che dovremmo andare alle Olimpiadi. Non so se il mio pensiero sia molto considerato, se paragonato a quello di campioni incredibili e alle persone che stanno provando a realizzare l’evento. Voglio dire che non vorrei mai sminuire il loro lavoro, penso solo che sia assolutamente sbagliato che tanti Paesi vadano a dare soldi e ad incrementare l’economia di un paese che non supporta i gay. Mi dispiace, ora sono seria, ma non è che non supportano solo la comunità gay, ma usano spray al peperoncino e li picchiano. Sono andata in Russia per il Born This Way Ball ed ero davvero entusiasta di essere lì , perché sentivo che era un luogo importante per portare il messaggio del disco. Ma sono stata male nel vedere il dolore che alcuni ragazzi gay provano in Russia"

Una mossa che potrebbe recare anche una perdita di interessi economici per la Russia e che, forse, sarebbe davvero un segno importante. E il discorso dell'artista è tornato sull'argomento proprio a poca distanza dal coming out di Tom Daley, il giovanissimi tuffatore che ha rivelato, attualmente, di avere una storia con un uomo e di essere felicemente fidanzato. Sereno come non mai. E lui è Dustin Lance Black

Ebbene, Gaga ammette dolore e tristezza nel vedere i ragazzi omosessuali "costretti" a presenziare in un simile evento, in un Paese che non ha rispetto proprio per persone come loro.

"Mi rende davvero triste vedere come soffrano i ragazzi gay in Russia, e mi rende ancora più triste vedere i migliori atleti spediti lì per le Olimpiadi… non cel a faccio, è sbagliato e triste. Odio dirlo, perché sono felice per quelli come Tom Daley che dovrebbero andar lì, vincere e gioire"

Siete d'accordo con le parole di Gaga? Pensate che la partecipazione di atleti apertamente omosessuali sia da evitare come protesta o la loro presenza potrebbe essere un segno di sfida e diventare, invece, messaggio di tolleranza?

  • shares
  • Mail