Monica e Michela mamme orgogliose di Tommaso e Margherita: una storia italiana

Una delicata e intensa storia d’amore di una coppia lesbica trevigiana che, nonostante le difficoltà della legge italiana, ha coronato il sogno di maternità.

Monica e Michela mamme orgogliose di Tommaso e Margherita: una storia italiana

Non si possono certo fermare la vita e l’amore, che poi sono due facce della stessa medaglia. Così anche se l’Italia non riconosce diritto alcuno alle coppie dello stesso sesso e ha leggi molto restrittive per quel che riguarda la fecondazione assistita, questo non vuol dire che nel Bel Paese non ci siano coppie dello stesso sesso che si amano e che generano vita.

Il Gazzettino ci racconta una storia che viene da Treviso: due donne in carriera, compagne nella vita, sono diventate mamme di un maschietto e una femminuccia, come illustrano loro stesse in una lettera al giornale:

Il 21 novembre, nel giorno della Madonna della Salute di Venezia, siamo diventate mamme. Anche per noi si è realizzato il miracolo della vita che ci ha donato due creature di Dio, Tommaso e Margherita.

Secondo la legge italiana Monica e Michela non potevano avere accesso alla fecondazione assistita: hanno così deciso di andare nell’Europa del Nord (che, con tutte le contraddizioni che ha, rimane sempre un faro di modernità e di rispetto per i diritti) e si sono sottoposte a fecondazione eterologa. Per dare alla luce il frutto del loro amore, però, sono tornate in Italia e così Tommaso e Margherita hanno visto la luce in questo nostro paese che, sebbene non riconosca diritti alle loro mamme, non può certo evitare che la vita e l’amore vadano avanti con la loro dirompente forza, così come non potrà impedire in eterno l’affermazione dei diritti umani sul nostro suolo.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail