Ghana: ricompensa a chi denuncerà i gay

Ghana: ricompensa a chi denuncerà i gay

Non si placa l'ondata omofoba in Ghana: come vi abbiamo già detto, Paul Evans Aidoo, governatore della zona occidentale del paese, ha dato il via libera alla persecuzione dei gay. Ora ha dato disposizioni perché la polizia arresti immediatamente le persone omosessuale. Aidoo ha detto chiaramente che con gli ordini di detenzione intende sradicare i gay dalla società.

Per cercare di scoprire quanti più omosessuali possibili Aidoo non solo si sta basando sui dati dell'Ufficio Nazionale della Ricerche che mappano i gay del paese e avvisano la polizia, ma anche conta sulla collaborazione dei cittadini, dal momento che ha promesso ricompense economiche a quanti denunceranno le persone che hanno relazioni omosessuali. In un paese distrutto dalla povertà, questi incentivi economici saranno una manna per le persone che, forse, denunceranno senza alcun criterio.

I dirigenti delle organizzazioni delle minoranze sessuali della zona hanno espresso la loro paura nel non sapere quando questi ordini di cattura saranno messi in pratica e, soprattutto, per non sapere cosa succederà ai gay una volta imprigionati. In un paese come il Ghana in cui i politici possono portare avanti qualunque misura grazie alla corruzione dilagante in tutti i settori dello Stato, la situazione si fa sempre più grave.

Foto | Wikipedia

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: