La chiesa luterana canadese approva i matrimoni gay

La chiesa luterana canadese approva i matrimoni gayLa Chiesa Luterana Evangelica del Canada ha deciso di eliminare del tutto le norme che vietavano ai gay e alle lesbiche che vivono in coppia di diventare ministri di culto così come anche ha abrogato tutte le leggi interne che impedivano la celebrazione e la benedizione di matrimoni omosessuali. La norma che prevede che gay o lesbiche che vivono in coppia possano esercitare il servizio per il culto è stata approvata con 205 voti a favore e 114 contrari, mentre quella che permette di celebrare e benedire matrimonio omosessuali è stata approvata con 192 voti a favore e 132 contrari. La norma, comunque, non obbliga tutti i ministri della chiesa a celebrare questi matrimoni e chi non vorrà benedire nozze gay potrà astenersi dal farlo.

Sebbene si tratti di una confessione relativamente minoritaria (ha poco più di centocinquantamila fedeli) la decisione riveste un importate significato simbolico: prima di tutto, la Chiesa Luterana Evangelica del Canada è la principale confessione luterana di quel Paese; in secondo luogo le politiche di accoglienza verso gay e lesbiche sono state negli anni scorsi teatro di aspre polemiche interne e ora, con questo nuova apertura, paiono del tutto superate.

I luterani canadesi seguono, così, le orme dei loro fratelli svedesi (che dal 2009 celebrano matrimoni tra persone dello stesso sesso) e della United Church of Canada, chiesa presbiteriana che costituisce la seconda confessione cristiana del Canada (dopo il cattolicesimo) e che permette che i suoi fedeli omosessuali si possano sposare in chiesa.

  • shares
  • Mail