Dinesh Bhugra, un gay dichiarato alla direzione della World Psychiatric Association

Si tratta di una notizia storica per l’importanza dell’incarico che riveste a livello mondiale: Dinesh Bhugra è il primo direttore gay dichiarato della World Psychiatric Association.

Dinesh Bhugra, un gay dichiarato alla direzione della World Psychiatric Association

Dinesh Bhugra ha raccontato la sua storia al Guardian e ha sottolineato che “essere gay è una parte importante di me, ma appartienza alla mia sfera privata”. E poi ha stigmatizzato che

rispettabili associazioni internazionali di psicologi e di psichiatri siano state in qualche modo conniventi con il fatto che l’omosessualità venga mostrata in alcuni programmi televisivi come una malattia e non siano intervenute per condannare le terapie che promettono di “curare” i gay, facendo notare come tali terapie riparative siano erronee e molto pericolose.

A tal proposito, Dinesh Bhugra ha promesso di lottare strenuamente per sradicare l’idea che l’omosessualità sia una malattia:

Ci sono ancora paesi in cui l’omosessualità e considerata una malattia. Abbiamo bisogno di affrontarli.

Altro aspetto contro cui battersi è quello delle terapie riparative che ancora oggi in diverse parti del mondo sono portate avanti.

Il nuovo direttore della World Psychiatric Association, che assumerà l’incarico a partire dal prossimo anno, ha anche evidenziato come la psichiatria deve molte scuse alle persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali così come anche alle donne in genere. Ha commentato, infatti, Dinesh Bhugra:

Ritengo necessario chiedere perdono per molti aspetti, non solo per alcuni. Per esempio, per come sono state trattate le donne. Ricordo una donna che è entrata in un ospedale psichiatrico quando aveva sedici anni perché era rimasta incinta fuori del matrimonio. Ed è morta in quell’ospedale a ottant’anni…

Via | Ragap

  • shares
  • Mail