Roberto Cavalli: "Essere etero forse mi rende uno stilista migliore"

Roberto Cavalli: "Essere etero forse mi rende uno stilista migliore"

Uno dei luoghi comuni che più perseguita i gay è quello di relazionarli alla moda. Solitamente si pensa a loro come quelli col buon gusto, perfetti per accompagnare le amiche a fare shopping e dare i consigli migliori. Ma sappiamo tutti che non è così. E sempre parlando di moda, ecco un'uscita di Roberto Cavalli per il New York Magazine. Lo stilista dichiara:

"Nel mondo della moda sono l'unico uomo etero"

Il giornalista a quel punto gli fa presente che non è proprio l'unico. E l'uomo risponde:

"Chi? Ralph Lauren? Sei sicuro? Comunque sì, essere etero forse mi rende uno stilista migliore. Perché mentre disegno penso alla donna, a come la vorrei accanto a me, alla morbidezza, alla femminilità".

Alt. Essere eterosessuale è quindi un plusvalore per essere uno stilista migliore? E chi è gay non ha forse quella sensibilità adatta? E' forse peggiore?

Oddio mi ribaltano i luoghi comuni...

Via | NYMag

  • shares
  • Mail
24 commenti Aggiorna
Ordina: