Nuovo omocidio ieri a Roma

L'ennesmo uomo gay ucciso a Roma, città che detiene un triste primato per gli "omocidi". Roberto Chiesa è morto ieri pomeriggio, nella sua casa in via Faleria, vicino la basilica di San Giovanni in Laterano. Aveva 64 anni e viveva da vent'anni con il suo compagno.

E' stato ritrovato riverso nel suo sangue con la gola squarciata da un'arma da taglio. Non si è stato ancora individuato il tipo di arma usata. Forse il movente è la rapina. Il quotidiano online RomaOne riferisce che

Al vaglio degli investigatori ci sono pure le dichiarazioni fatte dal convivente di Chiesa. L'uomo ha raccontato agli investigatori che, prima di scoprire il cadavere, avrebbe incontrato, mentre faceva rientro a casa, un giovane, forse un rumeno, che usciva dallo stabile con una valigia rossa che ha riconosciuto come una delle sue. Insospettito avrebbe tentato di fermarlo ma il ragazzo sarebbe fuggito lasciando in terra il trolley rosso. Il compagno di Chiesa si sarebbe quindi precipitato verso l'appartamento dove ha trovato il suo convivente con indosso una tuta blu e in un lago di sangue.

  • shares
  • Mail