Cina: la televisione nazionale difende i gay a seguito di dichiarazioni omofobe di un'attrice

Lipin Lu, attrice cineseLa popolare attrice cinese Liping Lü (in foto) ha rilasciato alcune dichiarazioni contro le persone omosessuali dicendosi a favore del divieto di relazioni sessuali tra le persone dello stesso sesso. Nel riportare le dichiarazioni dell'attrice, la CCTV – Televisione Centrale Cinese – si è completamente dissociata dal pensiero di Lü. Uno dei presentatori – Qiu Qiming Lu – ha detto:

Rispettiamo la fede di ognuno e la libera di esprimere la propria opinione sui vari temi. Tuttavia questo non vuole dire che siamo d'accordo sul fatto che una persona influente abbia il potere di discriminare una parte della comunità cinese. L'orientamento sessuale di alcune persone che lavorano in questa emittente è diversa da quella del resto della maggioranza. Questi nostri colleghi contribuiscono in maniera diligente alla società. I gay – come noi etero – hanno il diritto di esistere e di integrarsi nella società e questo diritto non dev'essere offuscato da nessun'altra concezione.

Così la televisione cinese ha difeso la comunità omosessuale. Non ho mai sentito parole simili sulle televisioni italiane che, anzi, spesso sono un ritrovo di tipe e tipi loschi che lanciano offese alla comunità omosessuale senza che nessuno dica nulla. Anzi, magari ci scappa pure un sorrisino di compiacenza.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: