Ancora attacchi alla coppia gay di Un medico in famiglia

Non si spengono le polemiche su Lino Banfi da parte dell'Osservatore Romano. Nel mirino della nuova crociata cattolica, l'ultima vittima sembra essere proprio l'attore pugliese, reo di aver prima portato su RaiUno la storia di due lesbiche che vivono la loro storia con gioia e serenità (di cui tanto qui si è parlato), e ora di proseguire con "Un medico in famiglia" all'interno del quale c'è una coppia gay (ve ne avevamo già parlato qui).

Insomma ancora critiche perché nella serie più amata dagli italiani, di cui è da poco iniziata la V edizione, c'è una storia gay che prende forma (leggi anche qui). Ma Banfi, sinceramente e giustamente stufo di tutto questo accanimento cattolico contro di lui, si difende e puntualizza:

"Il medico gay è sempre stato presente nella serie, ma in questa proverà una simpatia per un collega. Niente di più. Non ci sarà nessuna convivenza. L'Osservatore Romano osserva per rispettare il suo nome, fanno il loro lavoro, ma noi poi dobbiamo andare in onda".

Pure troppo signore è stato Banfi, a nostro avviso. Non si capisce per quale motivo si devono dare tutte queste giustificazioni e raccomandazioni al Vaticano... E ci auguriamo che non sia per non scatenare nessuno che si sia deciso di rendere così soft la relazione fra i due medici anziché dargli enfasi come a qualunque altra storia d'amore nelle fiction, di cui sono pane quotidiano e sostanza. Sraemo vigili osservatori anche noi. Ma di ben altra stoffa.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: