Croazia, referendum contro le nozze gay: le previsioni non promettono nulla di buono

Non sono buone le notizie in arrivo a pochi giorni dalla votazione.

Referendum in Croazia contro il matrimonio ugualitario

Mancano pochi giorni. Il prossimo 1 dicembre 2013, gli abitanti della Croazia sono stati invitati a presentarsi per votare il referendum contro le nozze gay.

Il sondaggio effettuato vede la netta maggioranza di persone contrarie ai matrimoni tra persone dello stesso sesso. Ben il 68% di coloro che sono stati intervistati ha dichiarato che si presenterà domenica per esprimere la propria contrarietà alle nozze Lgbt.

La domanda è questa:

Sei a favore che nella Costituzione si introduca la definizione di matrimonio come unione tra uomo e donna?

A spingere a presentarsi al referendum è proprio la Chiesa Cattolica che incita a:

evitare che un giorno in Croazia vengano legalizzati i matrimoni omosessuali, specie dopo che questo era accaduto in Francia.

I diritti Lgbt usati come spauracchio per convincere i fedeli a votare contro questa possibilità. E, purtroppo, in base alla prime indagini questo metodo sembra funzionare. Solamente il 27 per centro sarebbe, infatti, favorevole alla possibilità che due uomini o due donne possano, un giorno, sposarsi fra loro.

Poche possibilità, a meno di sorprese last minute, per festeggiare i diritti Lgbt in Croazia a partire da lunedì prossimo.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: