Usa: corte di San Francisco sospende il Don't Ask Don't Tell

soldati gay accettati nell'esercito Pochi mesi fa era stata revocata la legge sul Don't Ask Don't Tell, secondo la quale un soldato (donna o uomo) dichiaratamente gay non sarebbe stato ammesso tra le file dell'esercito proprio a 'causa' del suo orientamento sessuale.

Buone notizie arrivano da San Francisco dove una corte d'appello ha stabilito la sospensione immediata della norma. Una decisione concreta che conferma ancora una volta l'insofferenza verso questa regola che, secondo il Ministero della Difesa, necessita di ancora poche settimane prima che il Pentagono scriva nuove regole scriva le nuove regole. David Cruz, professione del'Università della California, ha dichiarato:

"Già da questo momento, chiunque può rivolgersi a un ufficio reclutamento e dichiarare apertamente di essere gay o lesbica, e ipoteticamente quell'ufficio dovrebbe procedere"

L'ennesimo passo in avanti concreto, da parte degli Usa, contro le discriminazioni sessuali.

Fonte | La Repubblica

  • shares
  • Mail