A. E. Housman, il poeta dell'omoerotismo

A. E. Housman, il poeta dell\'omoerotismo

Le prime poesie, quelle che poi gli diedero fama imperitura, furono rifiutate da tutte le case editrici di Londra a causa di un omoerotismo che, secondo gli editor di allora, affiorava troppo spesso e con una eccessiva e forse molesta frequenza. Ma A.E. Housman non si scoraggiò di certo e decise di continuare, di pubblicarsele tutte a proprie spese. Stiamo naturalmente parlando di A Shropshire Lad (traduzione italiana in: A. E. Housman, Un ragazzo dello Shropshire e altre poesie). Una raccolta poetica di timbro squisitamente nostalgico, il cui grande successo di pubblico, sorprese un poco tutti. Professore di Latino, studioso dei classici e considerato, allora come oggi, uno dei massimi esperti di letteratura antica, Housman non fu purtroppo un poeta fecondo, ma quel poco che scrisse (spesso ispirato dal suo grande e tragico amore per Moses Jackson, suo vecchio compagno di scuola) mantiene intatto il potere di toccarci il cuore, di esprimere in poche, scarnite immagini (o se volete parole) l’amore, il rimpianto e la nostalgia per quello che la vita o gli uomini stessi spezzano e rompono ogni giorno.

Nella gallery foto di Housman e Jackson.

A. E. Housman, il poeta dell\'omoerotismo
A. E. Housman, il poeta dell\'omoerotismo
A. E. Housman, il poeta dell\'omoerotismo
A. E. Housman, il poeta dell\'omoerotismo

  • shares
  • Mail