Roma: aggressione omofoba vicino al Gay village da parte di un gruppo armato di bastoni

aggressione gay gay village

Nemmeno un mese dalla fine dell'Europride ed ecco che il clima di gioia, orgoglio e integrazione viene spazzato via dall'ennesimo caso di cronaca. A raccontare l'accaduto è Alessandro, un ragazzo volontario nel gruppo Mario Mieli, testimone e protagonista della vicenda. Nella notte tra martedì e mercoledì stava uscendo dal Gay Village insieme ad un amico, quando è accaduto il tutto:

"Dovevamo prendere macchina che avevamo lasciato al di là del Colosseo Quadrato così abbiamo deciso di tagliare per il parco ma a un certo punto ci è venuto incontro un ragazzo che ci urlava di andar via, di scappare, ma non l'abbiamo ascoltato, volevamo capire cosa stesse accadendo"

Il parco in questione è anche un noto luogo di incontri per omosessuali:

E' proprio lì che assistono ad una scena talmente forte da sembrare assurda:

"Una volta dentro abbiamo cercato di spostarci verso la luce, era molto buio, così abbiamo visto un gruppetto di tre o quattro persone che scappava inseguito da alcuni giovani. Saranno stati in tre, uno era a torso nudo, avevano dei bastoni o qualcosa di simile e urlavano "andate via da qui f... di m..., fuori, fuori. È stato allora che ci hanno visto e hanno iniziato a correre verso di noi, agitando i bastoni - prosegue - siamo scappati immediatamente e, arrivati al Colosseo Quadrato, siamo saliti di corsa in macchina"

Incontrano una volante della polizia, raccontano l'accaduto e vengono informati che già altri ragazzi si erano rivolti a loro per chiedere aiuto. Decidono così di non sporgere denuncia anche perchè, come gli è stato detto, "sarebbe contro ignoti e non servirebbe a nulla". Imma Battaglia, una delle organizzatrici del Gay Village, cerca di rassicurare gli animi:

"Le forze dell'ordine garantiranno la sicurezza intorno al perimetro esterno all'area del Gay Village: si tratta di un impegno che il questore Francesco Tagliente ha preso con me affinché il villaggio possa essere frequentato da tutti e per darci supporto nel renderlo sempre più un luogo bello e inclusivo"

Ma il fantasma Svastichella è più vivo e feroce che mai...

Via | Repubblica

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: