Obama ricorda i diritti gay in occasione dei 150 anni del discorso di Gettysburg

Per Barack Obama la lotta per i diritti delle persone gay e lesbiche è il naturale proseguimento del celeberrimo discorso di Gettysburg tenuto da Lincoln.

Obama ricorda i diritti gay in occasione dei 150 del discorso di Gettysburg

Il Presidente degli Stati Uniti d’America, Barack Obama, è tornato a parlare dei diritti delle persone lesbiche, gay, transessuali e bisessuali. Celebrando il centocinquantesimo anniversario dello storico di discorso di Gettysburg, pronunciato da Abraham Lincoln durante la guerra di secessione, Obama ha reso pubblica una lettera per chiedere che i valori difesi dal suo predecessore siano effettivamente difesi e, in quest’ottica, ha parlato anche dei diritti delle persone LGBT.

Il 19 novembre 1863, Abraham Lincoln pronunciò a Gettysburg (in Pennsylvania) un discorso che poi diventerà uno dei testi più celebrati nella storia degli USA. Nel suo pronunciamento Lincoln chiedeva un ritorno ai principi che sono a fondamento degli Stati Uniti, che sono

una nuova nazione, concepita nella Libertà e votata al principio che tutti gli uomini sono creati uguali.

Obama si è fatto interprete per i giorni di oggi di quelle parole e ha scritto a mano un discorso della stessa lunghezza di quello di Lincoln, in cui esalta il valore dello sforzo e del sacrificio per le libertà e, esplicitamente nell’ultimo paragrafo, parla della lotta per i diritti civili, per quelli delle donne, dei lavoratori, dei gay e delle lesbiche come una pietra miliare non solo per la storia degli Stati Uniti d’America ma per la libertà in tutto il mondo.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail