New York: digiuno e preghiere per impedire i matrimoni gay

digiuno e preghiere per evitare nozze gay

Oggi, 14 giugno 2011, a New York qualcuno deciderà volontariamente di non mangiare. E di pregare. Nessuna dieta religiosa o ansia esagerata da prova costume. È una scelta, un incontro che verrà fatta da alcuni ferventi credenti, speranzosi dell'intervento divino attraverso questo sacrificio. Si troveranno al New York City Hall e pregheranno, senza toccare cibo, affinché il sindaco Bloomberg fermi la sua campagna a favore delle nozze gay.

L'uomo è accusato di utilizzare i media per convincere la gente ad appoggiare questa sua apertura nei confronti del popolo Lgbt. E questo gruppo di persone, alle quali ci si può unire mandando una semplice mail di partecipazione per sapere i dettagli, è convinta di ottenere il proprio scopo in questo modo.

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: