Carlo Giovanardi e Paola Binetti contro Lady Gaga all'Europride 2011 di Roma? E i gay li mandano a Gagare...

mandiamoli a gagare! La risposta contro i politici omofobi Gli animi si agitano per l'arrivo di Lady Gaga a Roma. I riflettori del mondo sono puntati sulla cantante che sarà ospite dell'Europride 2011 a Roma. E così, ecco che partono all'attacco, pronti a criticarla ancora prima che sia sul territorio italiano. La prima a farlo, immancabilmente è Paola Binetti:

"Qualora Lady Gaga dovesse insultare il Papa, chi l’ha invitata se ne dovrà assumere la responsabilità . Come reagirebbero gli italiani se Lady Gaga dovesse attaccare la Costituzione italiana sostenendo che discrimina i gay perché prevede i matrimoni fra uomo e donna? "

E a farle eco e darle ragione non poteva mancare anche Carlo Giovanardi, sempre in prima fila quando c'è da parlare (male) di gay e omosessualità.

Dice Giovanardi:

"La signorina Gaga ha tutto il diritto di criticare, se ritiene, la nostra Costituzione. Ma se nel suo annunciato comizio dovesse offenderla, allora commetterebbe un errore. Tra l'altro forse è poco informata sul nostro Paese visto che tutti i sondaggi provano scientificamente come la stragrande maggioranza degli italiani sia schierata contro i matrimoni tra uomo e uomo e tra donna e donna. Per il popolo italiano i figli devono crescere all'interno di una famiglia tradizionale: solo così la loro personalità viene tutelata. Quindi Lady Gaga, che viene qui in concomitanza con il lancio del suo nuovo disco, forse dovrebbe essere messa a conoscenza di questo. È inoltre sbagliato consentire che il Colosseo, simbolo della morte di decine di migliaia di martiri cristiani, venga avvolto dai colori della cosiddetta bandiera arcobaleno.Il Colosseo è il luogo dove il Papa celebra la Via Crucis, il luogo del martirio di Cristo. È mai possibile che non si trovi un altro monumento da illuminare per la causa dei gay senza intaccare la sensibilità di nessuno?"

Il signor Giovanardi forse dimentica che anche lui ha forse intaccato la sensibilità del mondo Lgbt con le sue uscite nelle ultime settimane. Ma forse i gay hanno ufficialmente un altro peso e un'altra misura? Mi fa piacere poi sapere che è andato da ogni singolo abitante italiano a chiedere se è a favore o contrario alle unioni gay. O l'ha fatto fare a qualcun altro. Io non l'ho incontrato però... Bah.

E di fronte a queste continue polemiche e critiche, qualcuno si è stancato:

"Mandiamo a 'gagare' l'omofobia. L'Italia è gay. Uguali diritti come in Europa e negli Usa"

I manifesti sono apparsi in alcune vie e Fabrizio Marrazzo, presidente Gay Center, ha commentato così la cosa:

"Si tratta evidentemente di un'iniziativa ironica di fan di Lady Gaga ma anche di una chiara denuncia della gravità della situazione italiana in materia di diritti per le persone omosessuali e transessuali rivolta all'opinione pubblica europea e internazionale. Ci sono alcuni politici che fanno dell'omofobia una professione e che impediscono ormai da anni qualunque discussione seria a livello parlamentare e politico sull'omofobia come sui diritti di coppia e delle famiglie gay. Questa è una situazione intollerabile e interpretiamo questa iniziativa come un grido di aiuto, un Sos rivolto all'Europa. Che i gay italiani debbano essere diversi da quelli di altri paesi europei, da quelli americani fa del nostro paese un caso ormai unico e intollerabile in Occidente. Questo Europride deve porre questo aspetto in primo piano e ci auguriamo che questo sarà anche il contenuto del messaggio di Lady Gaga"

  • shares
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: