Gay cristiani lanciano appello al Papa "Condanni l'omofobia!"

gruppo cattolico gay scrive a ratzinger

"Santo Padre ci appelliamo per chiedere una condanna degli atti di violenza contro Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender e chiediamo la collaborazione di Sua Santità per la depenalizzazione degli atti omosessuali a livello mondiale"

E' così che inizia la lettera scritta da gruppi di cristiani omosessuali e rivolta a Papa Ratzinger. Vogliono che venga condannata pubblicamente la possibilità che essere gay permetta condanne penali, carcere o addirittura la morte. E continuano:

"Episodi di violenza, torture e assassinii nei confronti di persone LGBT si verificano di frequente in diverse parti del mondo e chi li mette in atto è spesso convinto di conformarsi alla volontà della Chiesa cattolica… Ci appelliamo a Sua Santità perché si forniscano a tutti i cristiani chiare informazioni in merito ai passi della Bibbia che sono usati per giustificare questi atti aberranti… I versetti a sostegno dell'uccisione di persone che praticano attività sessuali con persone dello stesso sesso non devono essere interpretati letteralmente"

La lettera verrà consegnata da una delegazione del Forum europeo dei gruppi cristiani Lgbt in Vaticano. Chiederanno inoltre che vengano annullate queste fantomatiche 'terapie' di guarigione per i gay. E poi l'utopia finale:

"Riconsideri la posizione della Chiesa sulle relazioni tra persone sia dello stesso sesso sia transessuali, supportando altresì l'accettazione e la benedizione di queste relazioni all'interno della Chiesa"

Fonte | Il fatto Quotidiano, via Marsala

  • shares
  • Mail
18 commenti Aggiorna
Ordina: