Meglio gay che mafiosi

Giulio Andreotti proprio non ci va giù ultimamente. Ci restano indigeste le sue chiacchiere sui DiCo e sull'omosessualità. Ma a quanto pare non siamo gli unici ad aver bisogno di una buona sorsata di Idraulico Liquido.

Infatti un'ultim'ora del Corriere della Sera ci informa che il senatore a vita, che oggi si trovava a Milano per un intervento alla Bocconi nell'ambito del ciclo di conferenze "I ministri del Tesoro raccontano", è stato contestato da un gruppo di studenti all'ingresso dell'università.

Tra gli striscioni agitati dai contestatori due in particolare hanno meritato l'attenzione della stampa: uno recitava "Meglio gay che mafiosi" e un altro "Andreotti, ma chi ce l'ha prescritto?".

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: