Omofobia a Napoli: aggredito Presidente Arcigay per aver baciato il suo compagno

bacio gay omofobia a napoli

La notizia è stata resa pubblica solo dopo la fine dei ballottaggi, per evitare discussioni o manipolazioni politiche. Ma ora, Fabrizio Sorbara, Presidente Arcigay di Napoli, ha deciso di denunciare l'aggressione subita:

"Ci hanno aggrediti con calci e pugni e ci hanno urlato in faccia quanto gli facevamo schifo. Un ragazzo napoletano sui 25 anni – continua Fabrizio – alla vista di un bacio tra me e il mio compagno, e’ andato su tutte le furie e ha cominciato a picchiarci sulle spalle fino a separarci. A un certo punto ci ha chiesto cosa stessimo facendo, intimandoci di smetterla perche’ c’erano bambini. Ma era l’una di notte e di bambini non ce ne erano affatto. Io ho cercato di farlo ragionare, ma e’ stato tutto inutile. Fortunatamente sono intervenute in mio aiuto delle ragazze, ma la cosa si e’ svolto nella quasi totale indifferenza generale. In quel momento abbiamo valutato che sarebbe stato meglio non far uscire la notizia, perche’ avrebbero potuto accusarci di utilizzare questo episodio come una strumentalizzazione politica"

Purtroppo la 'solita' storia. E' sufficiente un solo bacio per poter scatenare la violenza omofobica. E si usa, come alibi, la solita scusa dei bambini che si possono scandalizzare. Anche quando non ci sono. E, nell'assurdità, fossero stati davvero presenti alla scena, avrebbero assistito a due persone che si baciano, interrotte da calci e pugni. Niente shock in quel caso?

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: