Giornata internazionale contro l’omofobia e la transfobia: i commenti politici

giornata contro l'omofobia e transfobiaIl messaggio di Giorgio Napolitano in occasione della Giornata Internazionale contro l'omofobia e la transfobia ha suscitato partecipazione anche da parte di vari personaggi politici.

Se il Presidente della Repubblica ha ritenuto inaccettabili le discriminazioni verso i gay e ha chiesto, a gran voce, un intervento per porre fine a questa ondata di violenza verbale e fisica, anche Mara Carfagna ha espresso il suo impegno (speriamo concreto) verso una legge contro l'omofobia:

"L'orientamento sessuale non può essere causa di disuguaglianza sociale. È una giornata importante da celebrare perché serve a sensibilizzare le coscienze e l'opinione pubblica sulla necessità di contrastare un fenomeno che purtroppo persiste nel tessuto sociale. È una battaglia che mi sta molto a cuore. L'interesse al riguardo è cresciuto col tempo, grazie anche all'amicizia con la deputata Anna Paola Concia e al suo atteggiamento costruttivo. Abbiamo trovato un terreno comune per portare avanti la battaglia per garantire uguaglianza alle persone omosessuali"

Il ministro delle Pari Opportunità è intervenuta nel programma "Vota Antonia", insieme proprio a Paola Concia:

"C’è un grande bisogno di una legge contro l’omofobia e mi auguro che la prossima settimana, quando se ne discuterà alla Camera, si riesca finalmente ad approvarla. È una battaglia che mi auguro vada a buon fine"

Anche Gianfranco Fini ha ribadito la necessità di migliorare un clima a volte pesante nei confronti del mondo Lgbt:

"L'omofobia deve essere combattuta a livello culturale, rimuovendo quel pregiudizio ancora molto diffuso che impedisce agli omosessuali di vivere nella vita i loro diritti fondamentali: il rispetto della dignità della persona umana rappresenta un caposaldo di autentica civiltà. L'omosessualità non deve essere considerata come una malattia. A tale proposito è bene ricordare un'importante data di 21 anni fa: il 17 maggio del 1990 l'Organizzazione Mondiale della Sanità eliminato l'omosessualità dalla lista delle malattie mentali definendola invece una variante naturale del comportamento umano. Ed è per questo motivo che l'Unione Europea ha scelto il 17 maggio come Giornata mondiale contro l'omofobia".

Il ragazzo gay a cui era stata negata la patente ha ringraziato il Presidente della Camera.

Questo invece l'intervento di Schifani, presidente del Senato, sul tema:

"I principi dell'inviolabilità della persona e della dignità umana alla base della nostra Costituzione. Desidero ribadire la condanna più ferma a nome mio e dell'Assemblea di Palazzo Madama, per qualsiasi episodio di intolleranza. La difesa di questi valori fondamentali deve essere al centro della nostra azione politica e istituzionale fino a quando ogni discriminazione di qualsiasi natura non cesserà del tutto. A quanti sono stati e continuano a essere vittime di pregiudizi e violenze a causa della propria sessualità giunga tutta la mia vicinanza"

Non c'è che dire, belle parole. Ma ora c'è una sola speranza: che questo atteggiamento non termini con la fine della giornata e che diventi concretezza al più presto. Perché, ormai si è capito, con le frasi di supporto non si modifica nulla.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: