Stati Uniti: militari gay contro il Pentagono

Washington. Dopo aver perso una gamba, durante un operazione militare in Iraq del 2003, il marine gay Eric Alvan ha deciso di recarsi a Washington per chiedere al Congresso l’abolizione della legge “don’t ask, don’t tell” (secondo agli omosessuali è permessa la partecipazione nell’esercito purché non facciano sapere pubblicamente il proprio orientamento sessuale).

Oltre a Eric la legge (che verrà discussa il prossimo aprile) è stata contesta pubblicamente da un altro militare, il sergente Brain Fricke.
“Se ti chiedono della tua relazione – ha dichiarato il militare alla stampa - devi stare attento ai pronomi, lui deve diventare lei. Non saremo – ha precisato poi - mai in grado di sapere quanti gay hanno lasciato l'esercito a causa della politica omofoba del Pentagono”.

[sopra “American Beauty”]

Fonte: AdnKronos

  • shares
  • Mail