Laura Pausini contro l'omofobia su Facebook

Appello e sfogo della cantante dopo la notizia del ragazzo suicida

Laura-Pausini

Laura Pausini si è sempre espressa a favore dei diritti gay. Qualche mese fa, dopo il suicidio di un 14enne, scrisse su Facebook:

"Non si può decidere di lasciare la vita perché nessuno ti comprende… Sono senza parole, piena di rabbia e dolore perché in questo nostro paese si vive per giudicare, per fare delle chiacchiere da deficienti, per trovare difetti a chi non ne ha pur di parlare… Com’è possibile estraniare un giovane ragazzo perché è gay? Portarlo ad uccidersi perché non è eterosessuale? Saranno o no cavoli suoi di chi è innamorato? Siamo ancora nella preistoria? O siamo tutte persone uguali su un’unica terra nate per conoscerci e condividere? Siamo qui per amare chiunque vogliamo… Amarsi è tutto… Fare i fighi deridendo o ignorando chi è diverso, è da veri cogl*oni!"

E nelle scorse ore, la vicenda del ragazzo che si è gettato dalla sua abitazione perché omosessuale in un Paese omofobo, Laura ha approfittato per tornare nuovamente sull'argomento:

Ho appena guardato su internet la puntata di ieri sera (bellissima per altro con #renzoarbore) del programma italiano #chetempochefa di #fabiofazio ed ho apprezzato moltissimo il discorso finale di #massimogramellini.
La penso come te caro Massimo.
BASTA OMOFOBIA. Non esisteva 2500 anni fa...come mai oggi esistono persone che giudicano l'amore? tutto l'amore?
Ancora un episodio triste di un ragazzo a Roma che muore.
L'AMORE NON HA SESSO. L'AMORE DEVE ESSERE LIMPIDO PER TUTTI. AMATEVI, NON VERGOGNATEVI DI AMARE CHI SIETE E DI CHI AMATE. MAI.

Una condanna esemplare da seguire e che dovrebbe essere presa come esempio da molte altre celebrità e politici.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail