Ergastolo per l’assassino del giovane gay cileno Daniel Zamudio

La giustizia cilena ha condannato all’ergastolo Patricio Ahumada, l’assassino di Daniel Zamudio. Ha comminato poi pene tra i sette e i quindici anni ai complici.

Patricio Ahumada Garay, condannato all'ergastolo per l'assassinio di Daniel Zamudio

È stata resa nota la condanna per gli assassini di Daniel Zamudio, il giovane cileno barbaramente ucciso perché gay: Patricio Ahumada, l’assassino, è stato condannato all’ergastolo; i suoi complici Alejandro Angulo e Raúl López andranno in carcere per quindici anni e Fabián Mora, altro complice, sconterà sette anni di prigione. La sentenza di colpevolezza era stata pronunciata una decina di giorni fa, mentre oggi sono state rese note le condanne.

Patricio Ahumada Garay (in foto) – che al momento sta portando avanti uno sciopero della fame in un carcere di massima sicurezza – è stato ritenuto principale responsabile della brutale aggressione che ha stroncato la vita di Daniel, motivo per cui il giudice Juan Carlos Urrutia lo ha condannato all’ergastolo come chiesto dal Pubblico Ministero.

Al momento della lettura della sentenza, Ahumada si è alzato, ha guardato i presenti e ha detto:

I giudici sono corrotti e stanno condannando un innocente.

Dopodiché si è applaudito da solo. Jacqueline Vera, madre di Daniel, ha affermato di non essersi sorpresa più di tanto e ha chiosato:

Cosa ci si può aspettare da un assassino come lui?

Iván, padre di Daniel, non si aspettava tale condanna e la considera una pena esemplare. La difesa degli accusati ha fatto sapere, comunque, che probabilmente presenterà ricorso alla Corte di Appello di Santiago perché le richieste presentate (una pena minore) non sono state accolte.

Come ricorderete, la notte del 3 marzo 2012, Daniel Zamudio, che aveva ventiquattro anni, venne ferocemente aggredito perché era omosessuale. Alcuni giorni dopo spirò per le gravi lesioni. Dopo la sua morte il Cile ha approvato una legge contro la discriminazione che è nota come Legge Zamudio.

Via | Anodis

  • shares
  • Mail