Distributori di condom obbligatori negli alberghi cinesi

Sono, allo stato attuale, oltre 600mila i malati di aids accertati in Cina. Un problema grave e in rapida crescita. Il quotidiano Notizie di Pechino riporta una notizia che testimonia dell'impegno del governo cinese per la lotta all'aids e in favore della prevenzione.

Accade nella provincia dello Zhejiang, sulla costa orientale, una delle zone più industrializzate (e occidentalizzate) della Cina, che ha registrato l'anno scorso 1.859 casi di contagio: gli alberghi vengono obbligati a installare e a mettere a disposizione per gli ospiti macchinette distributrici di condom. Una multa molto salata sanzionerà infatti le strutture alberghiere che non si attrezzeranno per fornire i preservativi ai propri clienti. Ecco precisamente quello che la direttiva diramata dall'amministrazione provinciale recita:

Macchine per la distribuzione automatica di preservativi devono essere installate in tutti gli hotel, i bar e negli altri luoghi pubblici. In caso contrario una multa di 5.000 yuan (500 euro) verrà imposta ai manager.

(Sul portale Cina Oggi trovate inoltre un approfondimento sulla questione del mercato cinese dei profilattici.)

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: