La Toscana apre al turismo gay: non più solo Torre del Lago

toscana turismo gay

"La Toscana è la prima regione italiana a dotarsi sul proprio sito del turismo di uno strumento dedicato al pubblico LGBT, come già avviene per moltissimi enti turistici europei e del resto del mondo. Peraltro il turismo gay è un settore vivace del mercato, coi suoi circa 70 milioni di turisti all’anno nel mondo secondo le stime dell'istituto di ricerche Tourism Intelligence International. Ma l'attenzione per questa fascia di pubblico è anche un segnale di "sistema" che mette in atto la vocazione di apertura mentale della Toscana, contraria a discriminazioni e pregiudizi"

Parole dell'assessore regionale al turismo Cristina Scaletti che ha descritto così la decisione di aprire una sezione dedicata ai turisti gay per chi decide di trascorrere una vacanza in Toscana. Non più quindi solo Torre del Lago come possibile meta Lgbt ma anche tante altre città, da Pisa a Firenze passando per Siena.

Sono infatti presenti alberghi, ristoranti, pub e discoteche che esprimono il loro metro 'gayfriendly'. Le strutture non sono nemmeno poche, raggiungono il centinaio e spaziano da gay only, gay friendly, gay owned ad etero friendly (ma quest'ultima non dovrebbe rappresentare un po' tutti i locali non a tinte rainbow...?). Nel portale sarò aperto anche un blog dove proprio gli stessi turisti potranno liberamente parlare delle loro impressioni, consigliare o sconsigliare un determinato luogo o locale. Uno scambio di idee fatto per i gay e dai gay. Che ne pensate? Una buona iniziativa o solo una strizzata d'occhio per aumentare il turismo Lgbt, vedendo il grande successo stagionale di Torre del Lago?

Via | Turismo in Toscana

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: