Ballando con le stelle gay, lettera aperta a Milly Carlucci


Cara Milly (Carlucci), non ho mai visto una puntata intera di “Ballando con le stelle”, il talent show sulla danza che conduci dal 2005 su RaiUno. Se il sistema auditel si basasse sul mio telecomando non riusciresti ad ottenere i buoni risultati che ti contraddistinguono.

“Ballando con le stelle” lo seguo attraverso le interviste che rilasci. In più occasioni ti ho sentito sostenere che i possessori del format originale ti hanno chiesto di spiegargli il successo della trasposizione italiana. Se non sbaglio hai deciso di proporre alla Rai “Ballando con le stelle” dopo aver visto in tv, a Londra, “Dancig with the Stars”.

Per quello che so di te mi sembra di capire che per lavoro segui abbastanza la tv straniera. Probabilmente già sai che la versione israeliana di “Ballando con le stelle” è stata la prima a proporre una coppia gay. La stessa tipologia di concorrenti ha debuttato anche in Austria.

Io non ti conosco abbastanza per sostenere che tu sia gay-friendly. Non ti sei mai espressa sul matrimonio omosessuale. Probabilmente sei favorevole a questo riconoscimento giuridico. La partecipazione a “Ballando con le stelle” di Fabio Canino, gay dichiarato, e Povia, autore dell’orrenda “Luca era gay”, mi fa pensare che ti piacciano le sfide televisive. Non sei politicamente corretta come Paolo Bonolis. Il conduttore nel 2009 non portò a Sanremo la canzone dedicata all’amore gay di Niccolò Agliardi per garantire a Povia un’immeritata vetrina.

Se ho capito bene “Ballando con le Stelle”, ogni settimana, si avvale della partecipazione di un ballerino per una notte. Roberto Vecchioni, vincitore del Festival di Sanremo, è stato il primo di questa serie.

Certo che prima della fine di questa edizione potresti affidare questa parte dello show a un omosessuale celebre lontano dalla gara. Lui potrebbe ballare con un dei tuoi maestri di ballo. Anche in Italia esistono gay che non si nascondono. Ivan Cattaneo, Leopoldo Mastelloni, Leo Gullotta, Aldo Busi, Gianni Vattimo, Alessandro Cecchi Paone sono le prime persone che mi sono venute in mente e che potresti coinvolgere. Che ne dici?

Se davvero sei innovativa come sostieni, e io ci credo, non sarà un problema accettare questa sfida. Grazie per l’attenzione. Buon ballo, Giovanni.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: