Inaugurato a Barcellona il monumento ai gay perseguitati

Inaugurato a Barcellona il monumento ai gay perseguitati

A Barcellona, alla fine, il monumento ai gay perseguitati è stato inaugurato. Dopo le polemiche dovute a una proposta che lo voleva dinanzi alla cattedrale della Sagrada Familia, dopo aver individuato un luogo che potesse andare bene a tutti - il Parc de la Ciutadella, che riveste un significato particolare per la comunità lgbt catalana in quanto lì, nel 1993, venne brutalmente uccisa da estremisti di destra Sonia, una donna transessuale – domenica scorsa il sindaco di Barcellona, Jordi Hereu, ha tagliato il nastro per questo monumento dicendo:

Questo monumento intende onorare e ricordare la lotta di molte persone che hanno reso possibile quella libertà di cui oggi godiamo. È anche il simbolo dell'impegno per continuare ad andare avanti.

Il monumento è costituito da una piastra triangolare di dieci metri di perimetro, scolpita con pietea di Montjuïc e con una bordatura rosa. Sulla pietra, in catalano, si legge questa epigrafe:

In memoria dei gay, delle lesbiche e delle persone transessuali che sono state perseguitate nel corso della storia

Foto | River

  • shares
  • Mail