Che tempo che fa, Luciana Littizzetto sul caso Barilla: "La famiglia tradizionale è dove ci si vuole bene!"

Intervento dell'attrice nella nuova edizione di Che Tempo che fa

luciana-littizzetto

Luciana Littizzetto è tornata a Che tempo che fa con il suo monologo finale al termine della puntata. E questa sera, prima del collegamento con Letta, l'attrice ha parlato degli ultimi argomenti Lgbt al centro della cronaca delle ultime settimane. Per prima cosa ha criticato la legge contro l'omofobia:

"Sembra scritto che si è fumato da solo i neuroni con il kalumet. Se tu da solo dici "Brutto finocc*io" sei accusabile, se lo dici "in compagnia" allora puoi farlo. Se io da sola ti mando a fan*ulo non posso ma tutti insieme sì. Non lo sanno che le peggiori violenze si fanno in gruppo e in branco? Se dico che questa legge è una me*da è vilipendio se lo dico in gruppo è opinione..."

Infine, ecco il commento sul caso Barilla che sta infiammando queste ore:

"Nei suoi spot lui vuole la famiglia tradizionale non vole i gay. Posso dire una cosa? Guido io ti stimo tanto e non potrei vivere senza i pan di stelle ma secondo te Banderas che parla con una gallina rappresenta una famiglia tradizionale? La famiglia tradizionale non abita in un mulino, con un mutuo. Sai chi va in un mulino bianco? I gay! In vacanza! Uno che fa il the e l'altro che inzuppa il biscotto! Nel Mulino Bianco possiamo fare un video per i Village People. Sai cosa vorrei, che riuscissi a far passare un messaggio di tolleranza nei tuoi spot. Dove ci si vuole bene e non importa se un uomo o una dona, due uomini o due donne, non è importante. L'importante è che ci si voglia bene. Guido, tu che sei tradizionalista, perché nella pasta fai le pipette e i ditalini?"

Qui sotto il video:

  • shares
  • Mail