A Natale mi sposo, Daniele Creati è gay?

daniele creati gay

Il cinepanettone del 2010 di Massimo Boldi è stato A Natale mi sposo. Tra i protagonisti, Nancy Brilli ed Elisabetta Canalis, oltre al già citato regista e attore. Ma tra i personaggi, anche Daniele Creati sta facendo bisbigliare il mondo dello spettacolo per la sua presunta omosessualità.

Proprio in questa pellicola, interpreta un ragazzo gay e le voci sui suoi gusti sessuali, nella sua reale vita privata, aumentano. Un modo per far parlare di sé ed emergere come attore? Oppure il fastidioso solito pettegolezzo italiano? Lui nel frattempo non si infastidisce e non dimostra isterie sull'argomento (senza però sbilanciarsi affatto):

"Mi sono divertito molto e mi sono trovato particolarmente a mio agio nella parte di un ragazzo gay. Non credo di dover giustificare i miei gusti sessuali per questo"

Poi chiosa l'argomento, parlando dell'omosessualità non sua ma del ruolo che interpreta. Rimanendo quindi volutamente vago?

"Per me l’ambiguità sessuale è una dote, un pregio. Riuscire ad esprimere entrambe le sensibilità, maschile e femminile, ti permette di vedere il mondo con uno sguardo diverso, certamente da una prospettiva più ampia"

L'ambiguità sessuale può sicuramente essere affascinante o incuriosire. Ma se ci si gioca sopra non può essere solo una giustificazione per non prendere una posizione chiara?

Via | Piazza Grande

  • shares
  • Mail