Niente gay negli spot Barilla? Al via il boicottaggio

Non si placano gli animi dopo le affermazioni di Guido Barilla a proposito della voluta assenza delle famiglie gay negli spot dei suoi prodotti. Arcigay lancia la campgna “Siamo tutt* della stessa pasta”.













Dopo le affermazioni di Guido Barilla sulla voluta assenza delle coppie dello stesso negli spot della ditta che ha il suo stesso nome, perché loro sono “per la famiglia tradizionale”, sui social network è partita la proposta di boicottare i prodotti della Barilla, tutti. E non è un caso che l’hashtag #boicottabarilla sta facendo furore in rete in queste ore.

Il boicottaggio dei prodotti della Barilla è stato rilanciato anche da Arcigay che, nelle parole del suo presidente Flavio Romani, afferma:

Se per il signor Barilla le famiglie formate da gay e lesbiche non fanno parte della sua tavola, siamo noi a votargli le spalle e a scegliere altri prodotti, culturalmente più sani e sicuramente più degni di stare sulle tavole degli italiani

Niente gay negli spot Barilla? Al via il boicottaggio

Arcigay lancia quindi una campagna dal titolo: Siamo tutt* della stessa pasta. E spiega:

Oltre a sfruttare la rete e i social network stiamo organizzando azioni di volantinaggio davanti ai supermercati per informare i consumatori. Il pensiero di Barilla introduce la discriminazione perfino a tavola, e sembra voler negare quel desco ideale alle nostre famiglie, "sgradite" come negli anni furono quelle di neri ed ebrei. Barilla è il rigurgito di un'Italia che non c'è più: glielo dimostreremo.

Le scuse/non scuse di Guido Barilla


Guido Barilla e la sua scelta negli spot: solo famiglie tradizionali

Intanto Guido Barilla ha chiesto scusa via Twitter affermando di avere il più profondo rispetto di tutte le persone, senza distinzioni. In una nota, poi, Barilla ha affermato:

Con riferimento alle dichiarazioni rese ieri alla Zanzara, mi scuso se le mie parole hanno generato fraintendimenti o polemiche, o se hanno urtato la sensibilità di alcune persone. Nell’intervista volevo semplicemente sottolineare la centralità del ruolo della donna all’interno della famiglia.

E con questo dimostra che non sa che ci sono famiglie omosessuali composte da due donne. Poi continua la nota:

Barilla nelle sue pubblicità rappresenta la famiglia perché questa accoglie chiunque, e da sempre si identifica con la nostra marca.

Perché secondo lui e la sua ditta le famiglie composte da persone dello stesso sesso non sono accoglienti?

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: