Alfredo Olmedo, il politicante argentino omofobo che è stato querelato da Lionel Messi

olmedo messiAlfredo Olmedo è un politico argentino che non ha mai nascosto la propria omofobia. Fa parte di un piccolo partito di destra e si è battuto strenuamente contro i matrimoni gay, dando vita anche a numerose manifestazioni. Ha anche creato uno slogan sull'argomento: "Non esistono eterosessuali e omosessuali, ma solo uomini e donne". Poi, magari me la spiegherà meglio. Vuole diventare governatore della regione del Salta, al nord ovest dell'Argentina. Un giorno ha incontrato Lionel Messi, due volte Pallone d’Oro e calciatore amatissimo in tutto il mondo, in aeroporto. Ha scattato una foto insieme a lui, come un qualunque fan. Poi, ha avuto un'idea.

Ha creato un manifesto, con la scritta "Sì allo sport, no alla droga. Olmedo Governatore" e la loro foto in bella vista. In questo modo, ha fatto credere che Messi appoggiasse la sua candidatura. Unico problema: il calciatore non ne sapeva assolutamente nulla. E così, nonostante lui viva a Barcellona, una volta venuto a conoscenza dell'iniziativa, ha deciso di querelarlo. Non sostiene in nessun modo la sua visione omofoba e non vuole essere ricondotto ad un simile pensiero. Nemmeno per sbaglio. Il suo avvocato ha infatti dichiarato:

"Messi non ha nulla a che vedere con i partiti politici e non appoggia nessuno"

  • shares
  • Mail