“Un omosessuale normale”: Angelo Pezzana scrive a Silvio Berlusconi

Di “Un omosessuale normale”, l’ultimo libro di Angelo Pezzana, non si è occupato solo il Corriere della Sera, qui la notizia. Lo scrittore Alain Elkann ha intervistato l’attivista omosessuale per La Stampa.

Secondo Pezzana oggi di omosessualità si parla spesso poiché agli italiani piace il pettegolezzo. Le chiacchiere sull’orientamento sessuale dei personaggi famosi non hanno aiutato i gay ad emanciparsi. Le coppie omosessuali non hanno gli stessi diritti di quelle etero. L’equiparazione tra queste due tipologie di unioni, secondo Pezzana, avverrà solo aprendo il matrimonio alle coppie gay:

“Il matrimonio è un riconoscimento laico e non religioso, ma le clausole debbono essere identiche a quelle che esistono per gli eterosessuali”.

In “Un omosessuale normale” Angelo Pezzana scrive anche a Silvio Berlusconi:

“Parto da un articolo di Pierluigi Battista che si chiedeva se non sarebbe stato un governo liberale come quello di Berlusconi a realizzare le riforme legislative che per esempio ha fatto Aznar in Spagna. Ma è rimasto un pio desiderio”.

Nelle prossime settimane Queerblog incontrerà Angelo Pezzana. Allo scrittore chiederemo di parlarci del libro e un’opinione sulle recenti vicende che riguardano il movimento omosessuale di cui ci siamo occupati qui.

  • shares
  • Mail