Lord Berners: il talento di un eccentrico

Eccentrico e talentuoso, lord Berners divenne una figura di primo piano della cultura e della società britannica tra le due guerre.

Lord Berners

Lord Berners (1883-1950) non deve la sua notorietà solo alle sue tante eccentricità (che sicuramente facevano, veloci come il vento, il giro dei salotti), ma anche ad uno spiccato talento sia per la musica (compose diversi balletti per Diaghilev e Balanchine) che per la pittura (durante gli anni trenta i suoi paesaggi erano di gran moda, raggiungendo prezzi a dir poco stratosferici). Piccolo, malizioso ed imprevedibile, Berners, grazie a questo suo carattere stravagante, strinse amicizia con figure centrali della società e della cultura inglese (citiamo al volo gli onnipresenti Sitwells, il caustico Evelyn Waugh, ed il sofisticatissimo Cecil Beaton).

Ma l’incontro più importante della sua vita fu senza ombra di dubbio quello con l’aitante Robert Heber-Percy (1911-1987), detto Mad boy. Un ex comparsa cinematografica che aveva inutilmente tentato di farsi strada nell’esercito ed era finito poi a gestire un nightclub. A lui il ricchissimo barone perdonò tutto, incluso un breve matrimonio che l’uomo aveva contratto durante gli anni della guerra. Nominato erede universale da Berners, Robert Heber-Percy ereditò tutte le proprietà del barone, inclusa la bellissima residenza di Faringdon, dove facevano bella mostra di sé dipinti di Corot, Constable e Matisse.

  • shares
  • Mail