Anche al Nord i preti sono gay-friendly. A Crema (CR), don Franco Mandonico invita i gay a non nascondersi


Nei giorni scorsi vi abbiamo raccontato qui la storia di padre Cosimo Scordato. Il sacerdote si è contraddistinto per alcune dichiarazioni. Scordato sostiene che gli omosessuali devono avere gli stessi diritti degli etero e amare chi vogliono.

Il sacerdote siciliano non è stato isolato dai colleghi. Quelli intervistati dal Corriere del Mezzogiorno gli hanno dato ragione in modo più o meno esplicito. Sette giorni dopo questo beneaugurante episodio anche il Nord scopre il suo sacerdote gay-friendly.

A Crema, in provincia di Cremona, don Franco Mandonico, incaricato diocesano per la Pastorale della Coppia e della Famiglia, ha invitato tutti gli omosessuali a vivere il proprio orientamento sessuale in pubblico. Anche in chiesa. Mandonico scrive:

“Voglio mandare un segnale di attenzione a quanti/quante sentono e vivono il loro orientamento relazionale con lo stesso genere-sesso, perché non credo che sia secondo lo stile di Gesù far sentire qualcuna/o dimenticata/o, abbandonata/o motivo dell’orientamento relazionale-sessuale con una persona dello stesso sesso.

Mi sembra di capire che non è facile ammettere, accettare e riconoscere la condizione di omosessuale; anzi, proprio per questo, mi pare evangelico far percepire che, anche noi umani facciamo fatica a rispettare chi è diverso da noi, anche se il matrimonio è quello tra un uomo e una donna, ecc., Gesù sa trovare una strada di speranza e di aiuto per tutte e tutti. Probabilmente insieme è più facile aiutare e accompagnarci “alla vita buona del Vangelo”.

Mandonico vorrebbe organizzare a Crema degli incontri di preghiera per i fedeli gay. Di questi appuntamenti parlerà nei prossimi giorni a Queerblog. Quali sono le domande che vorreste fargli?

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: