Il calciatore gay Robbie Rogers parla del clima divertente in squadra e sotto la doccia

I timori iniziali sono spariti per il calciatore del Los Angeles Galaxy

Il calciatore Robbie Rogers fa coming out

Dopo il coming out, Robbie Rogers aveva annunciato anche il suo ritiro dal mondo del calcio, motivandolo così:

Il mondo del calcio è pieno di gente molto in gamba e tanti calciatori sono persone di grande umanità. Ma può anche essere uno sport brutale che ti ferisce gravemente e ti distrugge. Forse molti dei tifosi non sono omofobi, ma credo che se avessi rivelato la mia omosessualità mentre ancora giocavo la cosa non sarebbe passata inosservata. Se avessi giocato bene, i fan e forse anche i media avrebbero notato che il calciatore gay gioca bene. Se avessi giocato male, sarebbe successa la stessa cosa e anche di più. Tutto avrebbe ruotato attorno alla mia omosessualità.

Fortunatamente poi ha cambiato idea ed ecco arrivare la notizia del suo ingresso nel Los Angels Galaxy.

Ed ecco, a distanza di settimane, le sue prime buone impressioni con i compagni di squadra:

Ci sono buone battute. Fanno battute quando siamo sotto la doccia. Se le luci si spengono, sono del tipo: "Mi chiedo perché le luci si siano spente - Robbie sta andando sotto la doccia!

Robbie spiega:

Uno dei motivi per cui ho fatto un passo indietro era perché avevo tanta paura - avevo paura di andare nello spogliatoio così mi allontanai per qualche mese. Ho sentito il supporto c'è (nel Los Angeles Galaxy) e che i tempi sono cambiati. Ho iniziato con loro e i ragazzi sono stati di grande supporto"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail